I MEDIA DICONO DI NOI: SOFTWARE DEL KAZAKHSTAN RIVOLUZIONA LE IDEE CONVENZIONALI SUI METODI DI APPRENDIMENTO NELLE FACOLTA’ DI MEDICINA

Somnium ha pubblicato un software chiamato VIRCHOW. Questo ricostruttore di patologie 3D dimostra interattivamente i cambiamenti patologici negli organi umani per diverse malattie e sindromi. Si basa su grafiche 3D innovative. Uno dei vantaggi di questo prodotto è che uno studente può, senza lasciare l’aula, imparare e studiare i cambiamenti patologici nelle persone, e modellare altri cambiamenti in tempo reale. VIRCHOW si basa su 10 moduli che includono 134 malattie e sindromi, oltre a un set di 19 organi, cui patologie possono essere modellate senza bisogno di aiuto.
“VIRCHOW è l’unica soluzione nel mondo attuale che permette agli studenti di medicina di modellare interattivamente cambiamenti morfologici negli organi umani in certe malattie su uno spazio 3D. I risultati di uno studio chiamato “Utilizzare un Programma 3D di Patologia nel Processo di Apprendimento” ha dimostrato che il programma è uno strumento efficiente per studiare in vista di esami. Grazie all’abilità del programma di dimostrare visivamente il materiale studiato, l’app è uno strumento molto utile per gli studenti nel prepararsi per gli esami. L’app sviluppa anche una memoria visiva indipendente, che permette allo studente di assorbire meglio il curriculum,” – Arman Mukushov, CEO, Somnium LLP.
L’anno scorso, Somnium ha presentato un report sul prodotto al Congresso Europeo sulla Patologia in Germania. Il prodotto è stato incluso tra le 40 migliori soluzioni patologiche tra oltre 4000 report. La compagnia ha anche ricevuto una recensione positiva da Henry P. Godfrey (M.D.-Ph.D.), Professore di Patologia, New York Medical College, che l’ha descritto come “uno strumento di apprendimento ben fatto per uno studente che è stato poco esposto alla Patologia in passato, in modo che possa migliorare la propria conoscenza, sia durante le ore di lezione che nello studio indipendente. Il suo contenuto è strutturato per sviluppare un numero di competenze professionali negli studenti del primo livello universitario, tra cui le competenze cognitive, operazionali, etiche e estetiche.”